corso zanCorso Zanardelli è una via storica di Brescia, ad oggi uno dei “salotti” della città, dove si alternano negozi di lusso, bar e altri esercizi commerciali e il sabato pomeriggio si riempie di gente, soprattutto giovani, in cerca di un rilassante pomeriggio all’insegna dello shopping.

 

Anticamente la via si apriva a ridosso del confine meridionale della città. Nel corso dei secoli sono state ospitate le botteghe di scalpellini, marmisti e scultori, oltre al mercato del vino, fino a metà Ottocento. La via ha assunto, negli anni, varie denominazioni, la più antica è “contrada del Gambero”, per la presenza dell’omonima locanda; è poi diventata “Mercato del Vino”, e nell’Ottocento è passata dall’essere chiamata “corso del Teatro” prima, in riferimento al teatro Grande, a “contrada dell’Ospitale Grande” poi, per la presenza, all’interno della Crociera di san Luca, dell’Ospedale Maggiore. 11060962_364006623785714_3978499417469878851_nInfine, nel 1904, in occasione del primo anniversario della morte di Giuseppe Zanardelli, noto statista bresciano, il Comune propose di intitolare la via in sua memoria.

I portici, ancora esistenti, furono costruiti tra il 1734 e il 1773 e modificati durante l’Ottocento, cercando di improntare gli interventi verso un orientamento neoclassico. Dal 1847 il lato porticato della via si è trasformato nel luogo di passeggio, che anche noi conosciamo, nella moderna città borghese. Verso la metà del secolo venne sistemato anche il lato opposto della via.

Nel 1983, infine, è stata progettata anche l’attuale copertura stradale a pavé, formata da cubetti di pietra e porfido. La via è oggi una delle più famose e importanti della città, in quanto è possibile passeggiare ammirando le vetrine di negozi di lusso e non, e fermarsi per una pausa in uno dei tanti bar. È una delle mete preferite dai bresciani per passare un pomeriggio all’insegna dello shopping.

 

zan 1
Sitografia: https://it.wikipedia.org/wiki/Corso_Giuseppe_Zanardelli
PDF scaricabile: CORSO ZANARDELLI